Salta la navigazione

Storia degli encoder ottici Renishaw

Negli anni '80, con lo sviluppo delle proprie attività nel settore della metrologia, Renishaw ha intuito che gli encoder di posizione a prestazioni elevate avrebbero rivestito un ruolo sempre più importante nel mercato delle CMM e delle macchine utensili e nel 1984 ha dato vita al reparto Optical Projects Department, dedicato principalmente al mondo delle CMM e della metrologia. Il primo prototipo di riga ottica RG venne sviluppato nel 1988 e fu seguito di lì a poco dal primo lettore ottico, RGH1, commercializzato nel 1989. Le altre innovazioni tecnologiche sviluppate in quel periodo includevano i sistemi di interpolazione digitale presenti nel lettore, il rilevatore di frangia con reticolo elettrico incorporato e i LED di impostazione integrati che semplificavano l'installazione e rendevano superflui tutti gli altri strumenti diagnostici o di impostazione. Nel 1996 venne realizzato il lettore RGH22, seguito nel 1999 dal popolarissimo RGH24.

Nel 2002, gli importanti passi avanti compiuti nel campo dell'ablazione laser per la produzione di scala hanno portato alla realizzazione di RESR, la prima riga ad anello rotante, ad alte prestazioni. La tecnologia ad ottiche filtranti, alla base degli encoder RGH2, è stata ulteriormente perfezionata con un potente sistema integrato di elaborazione del segnale che ha portato alla creazione dei lettori SiGNUM™, usciti nel 2004, e degli encoder supercompatti TONiC™, i quali dal 2008 assicurano prestazioni metrologiche di altissimo livello, nonostante le dimensioni ridotte del lettore.

Nel 2009 Renishaw ha nuovamente rivoluzionato il mercato, con l'introduzione di RESOLUTE™, il primo encoder ottico assoluto, a traccia singola e passo fine, che garantiva misure di posizione assoluta con basso jitter ed errori sottodivisionali minimi anche a risoluzioni di 1 nm e con velocità lineari fino a 100 m/s.

Nel 2014, la miniaturizzazione delle elettroniche e delle ottiche ha reso possibile la realizzazione degli encoder della serie ATOM™, in grado di fornire una stabilità di segnale senza rivali, ottima immunità alla polvere e massima affidabilità, in un formato ridottissimo. Tali innovazioni hanno anche contribuito allo sviluppo di nuove varianti degli encoder TONiC: con il lettore digitale “all-in-one” VIONiC™, ad alte prestazioni (introdotto nel 2016) e il versatile e intuitivo QUANTiC™, del 2018.

2021 è l'anno di FORTiS™, una nuova gamma di encoder lineari, assoluti e sigillati, che racchiudono la consolidata tecnologia RESOLUTE in un dispositivo sigillato e con un innovativo design senza contatto che assicura prestazioni di misura elevate e affidabili, semplicità di installazione, ottima resistenza alle vibrazioni, una ripetibilità straordinaria e isteresi ridotta rispetto ai modelli sigillati di stampo tradizionale.

Giunto al quarto decennio, il volume d’affari degli encoder di Renishaw è cresciuto sempre più con alti volumi di vendita su più linee di prodotti e per una gamma sempre più ampia di mercati e applicazioni esigenti, come ad esempio robotica, automazione, controllo del movimento, metrologia, elettronica e produzione di schermi piatti. Gli encoder Renishaw sono rinomati e diffusi in tutto il mondo e offrono ai più importanti produttori di macchine utensili un servizio che non teme rivali in fatto di qualità e prestazioni.